La presentazione dell’indagine Demopolis: gli italiani e la povertà educativa minorile nell’anno del Covid

Con le limitazioni imposte dall’urgenza sanitaria e con la sospensione traumatica della continuità scolastica, si profila molto alto il costo sociale ed evolutivo imposto ai minori dal Covid-19. È quanto emerge dall’indagine condotta dall’Istituto Demopolis per l’impresa sociale Con i Bambini, nell’ambito del Fondo per il contrasto della povertà educativa minorile in Italia.

In occasione della Giornata internazionale per i diritti dell’infanzia e dell’adolescenza, la ricerca Demopolis focalizza l’impatto sui più piccoli della crisi pandemica ed analizza le percezioni dell’opinione pubblica sul più ampio tema della povertà educativa minorile.

NOTA INFORMATIVA E METODOLOGICA

L’indagine è stata condotta dall’Istituto Demopolis, diretto da Pietro Vento, per l’impresa sociale Con i Bambini nell’ambito del Fondo per il contrasto della povertà educativa minorile, su un campione demoscopico stratificato di 3.360 intervistati, statisticamente rappresentativo dell’universo della popolazione italiana maggiorenne. 

La rilevazione quantitativa, preceduta nel mese di ottobre da un’ampia fase di colloqui aperti qualitativi, è stata realizzata con modalità integrate cawi-cati-cami dal 3 al 12 novembre 2020. 

L’Istituto Demopolis ha analizzato, accanto alla popolazione italiana nel suo complesso, anche alcuni target particolarmente significativi con ulteriori rilevazioni demoscopiche su campioni ragionati di genitori con figli minorenni, insegnanti, rappresentanti di enti del Terzo Settore.

Supervisione della rilevazione di Marco E. Tabacchi. Coordinamento della ricerca a cura di Pietro Vento, con la collaborazione di Giusy Montalbano e Maria Sabrina Titone.