Le incognite sul voto del 4 marzo: astensione e legge elettorale

Il consenso resta instabile: ad incrementare l’incertezza sull’esito del voto del 4 marzo, accanto alle incognite della nuova Legge Elettorale, è anche la crescita dell’astensione. Circa 16 milioni di italiani potrebbero non votare alle Politiche: il numero più significativo di essi, 12 milioni, è determinato a non recarsi alle urne; quasi 4 milioni di elettori fanno parte invece di quel segmento che l’Istituto Demopolis definisce “astensione revocabile”: sono elettori che potrebbero ancora cambiare idea e recarsi alle urne il 4 marzo.

Demopolis: il peso di partiti e coalizioni a 16 giorni dal voto 

A 16 giorni dal voto per le Politiche del 4 marzo, resta alto il numero di indecisi e potenziali astensionisti: tra quanti immaginano di recarsi alle urne, il 67% ha già un orientamento preciso; il 13% esprime un’intenzione di voto, ammettendo però che potrebbe cambiare idea nelle prossime 2 settimane. Un quinto degli elettori è ancora del tutto indeciso sulla scelta da compiere.
Nell’ultima indagine condotta prima del black out elettorale, l’Istituto Demopolis ha scelto di fotografare non soltanto il consenso odierno, ma anche il bacino potenziale dei principali partiti.

La fruizione dei media in vista delle Elezioni Politiche

Poco più di un terzo degli italiani sta seguendo con molto interesse la campagna elettorale in vista del voto del 4 marzo. Il 41% con poca attenzione; il 25% ammette di non seguirla per niente. In ogni caso, la televisione si conferma strumento centrale nell’informazione politica. È uno dei dati che emerge dall’indagine condotta, per Otto e Mezzo, dall’Istituto Demopolis.

Chi siamo: profilo dell’Istituto Demopolis

Il metodo di lavoro di Demòpolis, Istituto Nazionale di Ricerche diretto da Pietro Vento: clienti e prodotti, ambiti di analisi e di indagine, attività di consulenza e comunicazione strategica.

The Power to Know and Act on What Italians are Thinking, Doing and Feeling

Demopolis: ancora sconosciuti i candidati nei collegi elettorali

A poco più di 2 settimane dalle Elezioni Politiche, appena un terzo dei cittadini è oggi a conoscenza del nome di almeno un candidato nel collegio uninominale in cui voterà. “Il 67% degli italiani – afferma il direttore di Demopolis Pietro Vento – non ha alcuna idea di chi siano i candidati alla Camera o al Senato nel proprio collegio elettorale”.

Verso il voto del 4 marzo: come cambia il consenso

A 3 settimane dal voto del 4 marzo, il Movimento 5 Stelle si conferma, con il 28,3%, primo partito, in vantaggio sul PD, attestato al 22,8%. Forza Italia avrebbe il 16,3%, la Lega il 14%. Sono i dati del Barometro Politico dell’Istituto Demopolis, diretto da Pietro Vento. Con la nuova legge elettorale torna rilevante la forza delle coalizioni: l’area di Centro Destra otterrebbe nel complesso il 37,2%; il Movimento 5 Stelle il 28,3%, la coalizione di Centro Sinistra il 27,5.

Astensione in crescita: non voterebbe il 47% degli under 25

Particolarmente significativo, a 30 giorni dal voto, appare il dato sull’astensione tra i più giovani. “I dati che emergono dall’indagine Demopolis – spiega il direttore di Demopolis Pietro Vento – confermano le preoccupazioni espresse dal Capo dello Stato Sergio Mattarella”. Il 47%, quasi 1 giovane su 2, tra quanti hanno meno di 25 anni, appare deciso a non votare alle prossime Elezioni Politiche.

Le promesse elettorali nella percezione dell’opinione pubblica

Negli ultimi giorni si sono moltiplicate le promesse e gli annunci da parte dei diversi leader politici impegnati nella campagna elettorale in vista del voto del 4 marzo. Il sondaggio, condotto dall’Istituto Demopolis per il programma Otto e Mezzo, rivela un diffuso scetticismo in ampi segmenti dell’opinione pubblica.

Analisi Demopolis per Otto e Mezzo a meno di 5 settimane dal voto

A meno di 5 settimane dal voto, il Movimento 5 Stelle si conferma con il 29,5% primo partito, con oltre 6 punti di vantaggio sul PD. Restano stabili Forza Italia al 16% e la Lega al 14%. È in sintesi lo scenario che emerge dall’indagine dell’Istituto Demopolis, che ha analizzato anche, per il programma Otto e Mezzo, le ragioni del consenso tra gli elettori potenziali del M5S.
.

Opinione Pubblica e Comuni in Toscana: le priorità dei cittadini nella ricerca Demopolis per Anci

I risultati della ricerca su “Opinione Pubblica e Comuni in Toscana” sono stati presentati a Firenze dal direttore dell’Istituto Demopolis Pietro Vento nel corso dell’Assemblea Regionale dell’Anci. L’indagine fotografa le priorità dei cittadini per il Governo del Paese e per i Comuni della Regione. In Toscana i Sindaci si confermano l’istituzione elettiva che gode del maggior grado di fiducia dei cittadini nella dinamica della rappresentanza politica.