Logo Demopolis
 

L'Istituto Demòpolis studia da anni le tendenze della società italiana e si distingue per le competenze nell'analisi dell'opinione pubblica, nella ricerca sociale, politica e di mercato, nelle indagini demoscopiche, nella comunicazione e nella consulenza strategica, nello studio delle dinamiche politiche ed economiche del Paese.

Con un team di ricercatori ed esperti di comunicazione di pluriennale esperienza, l'Istituto Demopolis - diretto da Pietro Vento - ha curato studi, indagini e progetti di ricerca qualitativa e quantitativa per conto di istituzioni, università, regioni, enti pubblici e privati, imprese, fondazioni e organi di stampa.

Demopolis cura il Monitor continuativo sull'opinione pubblica, l'Osservatorio sulle nuove generazioni ed il mondo del lavoro, il Barometro Politico sugli orientamenti di voto degli italiani.

Demopolis realizza indagini demoscopiche e sondaggi d'opinione per il programma Otto e Mezzo su LA7, per il Tg2, per Radio Rai, per i settimanali l'Espresso e Famiglia Cristiana, per diversi quotidiani nazionali e regionali, analizzando gli orientamenti dei cittadini sui temi più rilevanti dell’agenda politica e mediatica del Paese.


English Profile              Profilo completo

The Power to Know, and Act on, what Italian Citizens are Thinking, Doing and Feeling

Il crollo dell’affluenza in Emilia Romagna è il dato più significativo delle elezioni regionali del 23 novembre: l’area dell’astensione ha raggiunto dimensioni senza precedenti, ben al di là di qualunque quota fisiologica del passato. 
L’Istituto Demopolis ha indagato le ragioni del non voto alle Regionali ed i flussi elettorali di PD, Forza Italia, Lega e Movimento 5 Stelle.

Le ripetute emergenze connesse alla sicurezza dei cibi che hanno investito l’Europa hanno innescato fra i cittadini una diffusa apprensione sulla sicurezza e sulla qualità degli alimenti. Alla complessità di queste variabili si aggiungono le difficoltà determinate dalla prolungata crisi economica che iniziano a modificare stili ed abitudini di consumo delle famiglie. Oltre 6 cittadini su 10 dichiarano di essere influenzati – nella scelta degli alimenti per la famiglia – dal costo dei prodotti e dalle promozioni sui marchi, con un dato che cresce fra gli intervistati di sesso femminile.
Le difficoltà del Centro Destra in Italia nelle analisi del Barometro Politico Demopolis per Radio Anch'io. Ascolta su Radio1 Rai l'intervista di Giorgio Zanchini con Pietro Vento, direttore dell'Istituto Demopolis.

È un elettorato in ampia parte disorientato quello di Centra Destra: l’analisi, condotta dall’Istituto Demopolis per Otto e Mezzo, fotografa una profonda crisi di rappresentanza per un’area storicamente fortissima negli ultimi 20 anni. In un contesto nel quale tuttora 15 milioni di italiani si definiscono politicamente di Destra o di Centro Destra e 18 milioni si dichiarano non collocati, solo poco più di 8 milioni voterebbero oggi per Forza Italia, Lega e Fratelli d’Italia, i tre partiti di Centro Destra all’opposizione del Governo. 

Alle aziende di piccole e grandi dimensioni, agli attori privati ed al mondo dell’impresa, Demopolis non offre solo rodati strumenti di marketing, ma una conoscenza mirata delle dinamiche dei mercati e dei mutevoli bisogni dei consumatori, quali bussole operative per progettare lo sviluppo, offrendo indicazioni strategiche con un’attenzione speciale alle leve della comunicazione.
L’ascensore sociale è ormai fuori uso: nella percezione dell'opinione pubblica, sarà difficile che i giovani italiani possano godere in prospettiva delle medesime certezze economiche e del tenore di vita dei genitori.

E' uno dei dati che emergono dall’Osservatorio Demopolis sulle nuove generazioni, diretto da Pietro Vento (nella foto).



I risultati del Barometro Politico di novembre dell'Istituto Demopolis: l'intervento del direttore Pietro Vento a Transatlantico, il programma di RaiNews24 condotto da Donato Bendicenti.
L'estratto del video di RaiNews24
25 anni dopo, secondo l’indagine condotta dall’Istituto Demopolis, la memoria del 9 novembre 1989 resta impressa in 7 italiani su 10, con una significativa differenza generazionale. Che cosa è mancato rispetto alle attese nate in quei giorni? Per il 75% degli italiani è mancata la costruzione di un’Europa politicamente davvero unita. Ma anche, per il 66%, una politica economica all’insegna dell’equità sociale, in grado di determinare un maggiore benessere ed una migliore qualità della vita.
La televisione si conferma la principale fonte di informazione dei siciliani; carta stampata e radio restano punto di riferimento. Cresce in modo significativo, grazie all’accesso mobile da smartphone, la fruizione della Rete, anche se risulta ancora pesante il Social Digital Divide. Sono alcuni dei dati che emergono dall’indagine dell’Istituto Demòpolis sulla fruizione dei Media in Sicilia, presentata dal direttore di Demopolis Pietro Vento in un convegno promosso da Confindustria.
In testa alle priorità degli italiani, secondo i dati Demopolis, è il lavoro, indicato dal 73%, seguito al 67% dalla riduzione della pressione fiscale. L’ottimismo sulla ripresa appare ancora molto cauto: cresce, dal 23% dello scorso novembre al 31% di oggi, il numero di quanti credono ad un rilancio dell’economia. Decisamente più bassa, al 15%, è la percentuale di quanti sono convinti che aumenterà l’occupazione in Italia.

L'Istituto Nazionale di Ricerche Demopolis cura Opinion Lab, Monitor continuativo sull'opinione pubblica del Paese, l'Osservatorio sulle nuove generazioni ed il Barometro Politico sulle intenzioni di voto degli italiani.