Demopolis: la mobilitazione degli agricoltori nell’opinione degli italiani

Da settimane è in atto una mobilitazione degli agricoltori in tutta Europa. Che ne pensano gli italiani della “protesta dei trattori” che è cresciuta negli scorsi giorni anche nel nostro Paese? 7 cittadini su 10 ne condividono, nel complesso, le ragioni; il 16% la ritengono sbagliata. Sono i dati dell’indagine condotta dall’Istituto Demopolis, che ha analizzato il grado di condivisione nell’opinione pubblica delle principali istanze del mondo agricolo: il 90% approva la richiesta di vietare l’importazione di prodotti da Paesi con standard meno rigidi rispetto a quelli europei; il 56% si schiera a favore della reintroduzione dell’esenzione dell’Irpef per i redditi agricoli. Minoritario risulta invece il sostegno degli italiani allo stop richiesto dagli agricoltori alla normativa europea sulla riduzione dell’uso di pesticidi.

Barometro Politico Demopolis, primo sondaggio sulle Elezioni Europee: l’effetto Meloni-Schlein capolista sul consenso ai partiti

Se ci si recasse oggi alle urne, Fratelli d’Italia – in crescita rispetto alle Politiche del settembre 2022 – otterrebbe il 28%; il PD avrebbe il 20%, mentre il Movimento 5 Stelle si attesterebbe al 15,8%. È la fotografia che emerge dal primo sondaggio sulle Elezioni Europee realizzato dall’Istituto Demopolis, che ha misurato l’effetto sul consenso elettorale di una candidatura di Meloni e Schlein alle Europee. Con Giorgia Meloni capolista, Fratelli d’Italia guadagnerebbe 3 punti percentuali, attestandosi al 31%. Di minor impatto la candidatura Schlein: farebbe comunque guadagnare un punto al PD. Con un’affluenza stimata al 56%, più di 4 italiani su 10 diserterebbero le urne.

Come cambiano le priorità degli italiani: il trend 2019-2024 nell’analisi dell’Istituto Demopolis

Per l’80% degli italiani dovrebbe essere il contenimento dell’inflazione la priorità assoluta dell’agenda di Governo del 2024. Al secondo e al terzo posto, citate da 2 cittadini su 3, l’esigenza di investimenti nella sanità e di una reale riduzione della pressione fiscale.
Ma come sono mutate negli ultimi 5 anni le priorità degli italiani? “L’emergenza Covid prima, le guerre e i problemi dell’energia dopo – spiega il direttore di Demopolis Pietro Vento – hanno modificato significativamente l’agenda di Governo dei cittadini”. A scapito delle politiche per l’occupazione, che erano al primo posto nel 2019, la prima posizione viene conquistata oggi dal contenimento dei prezzi.

Il 2023 nella memoria degli italiani: sondaggio di fine anno dell’Istituto Demopolis

Che cosa resta del 2023 nella memoria degli italiani? L’evento di cronaca più citato è l’uccisione di Giulia Cecchettin: lo indica il 60%. Per oltre il 50% a caratterizzare l’anno che si chiude sono stati il perdurare dell’inflazione e gli eventi climatici estremi. L’anno politico in Italia è stato contraddistinto, per il 54%, dal progressivo consolidamento del ruolo di Giorgia Meloni. È quanto emerge dal sondaggio di fine anno dell’Istituto Demopolis, che ha analizzato gli ultimi 12 mesi nella memoria dell’opinione pubblica.
Per gli italiani il personaggio dell’anno è Jannik Sinner, emblema della rinascita del tennis italiano. Sinner, citato dal 48%, batte la Premier Giorgia Meloni, indicata dal 40% degli intervistati.

Gli italiani, l’Europa e il MES: indagine dell’Istituto Demopolis

L’Istituto Demopolis ha verificato la conoscenza tra i cittadini del Meccanismo Europeo di Stabilità, di cui si è tornati a parlare nelle ultime settimane e la cui ratifica è stata bocciata dalla Camera dei Deputati. Lei ha compreso – è stato chiesto – in che cosa consiste il MES? “Sì” risponde appena il 19% degli intervistati; il 30% dichiara di averne un’idea solo generica. Il 51%, la maggioranza assoluta degli italiani, ammette invece di non sapere affatto di che cosa si tratti.
In questo scenario più di 4 italiani esprimono oggi fiducia nell’UE. La fiducia, che era crollata al 26% nel 2016, l’anno della Brexit e dell’elezione di Trump, è tornata a crescere per raggiungere il 45% nel 2021 ed attestarsi oggi al 42%.

Demopolis: un anno di Governo Meloni nel giudizio degli italiani

Il 40% degli italiani promuove l’operato del Governo Meloni nei suoi primi 12 mesi di vita. Il sondaggio, condotto dall’Istituto Demopolis, evidenzia una estrema polarizzazione politica nell’opinione pubblica. Le valutazioni degli italiani divengono più favorevoli se chiamati ad esprimere un giudizio sulla Premier: il 46% promuove il primo anno a Palazzo Chigi di Giorgia Meloni.
L’Istituto diretto da Pietro Vento ha verificato anche la percezione dell’opinione pubblica sul ruolo svolto in Parlamento, in questi 12 mesi, dalle forze politiche che non sostengono il Governo: il 73% ritiene che l’azione dei partiti di opposizione si sia rivelata fino ad oggi del tutto inefficace.

Sondaggio Demopolis: crescono le preoccupazioni degli italiani per la guerra in Medio Oriente

Crescono i timori degli italiani per lo scenario economico ed internazionale. In testa alle preoccupazioni delle famiglie – secondo l’indagine condotta dall’Istituto Demopolis – è da mesi l’inflazione, con la crescita dei prezzi e la progressiva riduzione del potere d’acquisto, citate oggi dall’83% degli intervistati. Più di 2 cittadini su 3 temono le conseguenze e i rischi delle guerre in corso in Medio Oriente e in Ucraina.
Il 75% è preoccupato da un possibile allargamento del conflitto israelo-palestinese, 2 su 3 temono la ripresa del terrorismo in Europa.

Demopolis, sicurezza stradale e sanità pubblica: su che cosa si ritrovano gli italiani al di là della collocazione politica

Sicurezza stradale e sanità pubblica sono due, tra i temi della quotidianità del Paese, sui quali l’opinione pubblica si ritrova unita, senza le classiche polarizzazioni politiche che di norma la caratterizzano su molte altre questioni divisive. La conferma viene dall’ultimo sondaggio condotto dall’Istituto Demopolis.
2 italiani su 3, il 66%, valutano positivamente l’inasprimento di divieti e sanzioni nel nuovo Codice della Strada varato dal Governo.
Altra piena convergenza gli italiani dimostrano sui temi della salute: il 75% riterrebbe importante destinare nella prossima legge di Bilancio una quota significativa alla sanità.

Chi siamo: profilo dell’Istituto Demopolis

Il metodo di lavoro di Demopolis, Istituto Nazionale di Ricerche diretto da Pietro Vento: clienti e prodotti, ambiti di analisi e di indagine, attività di consulenza e comunicazione. Demòpolis studia le tendenze della società italiana con competenze mirate nell’analisi dell’opinione pubblica, nelle indagini demoscopiche, nella ricerca sociale, politica e di mercato, nella comunicazione e nella consulenza strategica.

The Power to Know, and Act on, What Italians are Thinking, Doing and Feeling

Demopolis: il PNRR oggetto “misterioso” per gli italiani

Le risorse europee del PNRR saranno spese nel modo giusto per far ripartire il Paese? Appena un terzo degli italiani ne risulta convinto, mentre il 52% appare decisamente scettico.
Il 61% dei cittadini teme che una parte dei fondi possano andare persi a causa dei probabili ritardi del nostro Paese nell’utilizzarli; più ottimista si dichiara il 30%.
il PNRR resta comunque un oggetto “misterioso” per i cittadini. Appena il 6% saprebbe indicare oggi un progetto finanziato con i fondi del Piano di Ripresa e Resilienza nell’area in cui vive. Il 94%, non ha alcuna idea di quali siano i progetti previsti dal PNRR per il proprio territorio.