La Riforma Costituzionale secondo gli italiani

Demopolis ha analizzato l’opinione degli italiani sulla riforma costituzionale in atto e, in special modo, sulla riforma del Senato che ha ampiamente caratterizzato il dibattito politico negli ultimi mesi. Se il Referendum confermativo si tenesse oggi, con un’affluenza stimata intorno al 45%, il 60% degli italiani direbbe sì alle riforme.

I dati del Barometro Politico Demopolis

Il PD di Renzi, con il 31%, si conferma primo partito nel Paese. Si riduce a 3 punti il vantaggio sul Movimento 5 Stelle, oggi al 28%, che, con l’Italicum, andrebbe al ballottaggio con il partito del Premier: è la fotografia del consenso che emerge dal Barometro Politico dell’Istituto Demopolis.

I partiti di Centro Destra nello scenario politico

La Lega si conferma prima forza politica dell’area di Centro Destra all’opposizione del Governo. Poco sopra l’11% Forza Italia, al 4,3% Fratelli d’Italia. L’Italicum, che porta al ballottaggio le prime due liste non favorisce lo schieramento di Centro Destra, diviso in 3 forze politiche differenti. Un’ipotetica lista unica si attesterebbe oggi al 29%, due punti sotto il peso complessivo dei singoli partiti.

Se si votasse oggi a Roma

A Roma, in pochi mesi, è cambiato in modo significativo il peso dei partiti: se si votasse oggi per il Consiglio Comunale, secondo il Barometro Politico Demopolis, si recherebbe alle urne appena il 48% dei romani: il Movimento 5 Stelle otterrebbe il 33%, doppiando di fatto il PD che, in calo di consensi nella Capitale.

Barometro Politico Demopolis

Il PD di Renzi si conferma primo partito con il 33,2%, staccando di poco più di 7 punti il Movimento 5 Stelle, stabile al 25,8%; la Lega consolida la terza posizione con il 16,4%. È la fotografia del consenso ai partiti che emerge dal Barometro Politico di settembre dell’Istituto Demopolis.

Come cambia il consenso: i dati del Barometro Politico

Se si votasse per le Politiche, il PD sarebbe, con il 32%, primo partito. Con un vantaggio di 6 punti sul M5S, in ripresa al 26%. Un dato rilevante è rappresentato dalla crescita dell’astensione: secondo la stima Demopolis, quasi 20 milioni di italiani non si recherebbero alle urne.