Il 2020 nella memoria degli italiani: sondaggio Demopolis di fine anno per Radio1 Rai

È stato l’anno del Coronavirus, il 2020. Le immagini, le parole chiave, i ricordi che hanno caratterizzato il 2020 sono tutti strettamente legati alla diffusione del Covid. È quanto emerge dal sondaggio di fine anno, condotto per Radio1 Rai dall’Istituto Demopolis, diretto da Pietro Vento, che ha analizzato gli ultimi 12 mesi nella memoria degli italiani.
Fra le immagini del 2020 resta indelebile la colonna di mezzi militari per i morti di Bergamo. Due terzi degli italiani custodiscono nei propri ricordi le città deserte durante il lockdown ed il Papa in una Piazza San Pietro deserta il 27 marzo scorso.

Le parole del 2020

Al netto del Covid, la parola simbolo del 2020, per 6 italiani su 10, è “distanziamento”: condizione di necessità che, da marzo, è diventata abitudine, difficile e complessa da vivere. La maggioranza assoluta dei cittadini, fra le nuove parole del dizionario dell’anno che si chiude, cita mascherina (58%), lockdown (55%), tampone (51%).
È quanto emerge dal sondaggio di fine anno condotto per Radio1 Rai dall’Istituto Demopolis, diretto da Pietro Vento.
Il 48% degli italiani individua in “vaccino” un’altra parola chiave del 2020. Oltre un terzo dei cittadini, intervistati da Demopolis, cita infine connessione, Dpcm, congiunti, quarantena…

Cresce l’attenzione degli italiani sui temi dell’efficienza e del risparmio energetico

Il 57% degli italiani dichiara di aver maturato negli ultimi 5 anni una maggiore attenzione ai temi del risparmio energetico e agli effetti sul cambiamento climatico: il dato emerge dall’indagine condotta per l’ENEA dall’Istituto Demopolis, che ha analizzato cognizioni, vissuti, percezioni e sensibilità dell’opinione pubblica in tema di efficienza energetica.

La propensione degli italiani alle vaccinazioni anti-Covid

Per 2 italiani su 3 l’arrivo dei vaccini contro il Covid rappresenta un’occasione concreta per sconfiggere il Coronavirus. Più scettico si dichiara invece un quarto dei cittadini. Più scettico si dichiara invece un quarto dei cittadini. È uno dei dati che emerge dal sondaggio realizzato per Radio1 Rai dall’Istituto Demopolis, diretto da Pietro Vento, nei giorni che precedono l’autorizzazione sul primo vaccino da parte dell’Ema.

Il nuovo DPCM e il Decreto Natale nell’opinione degli italiani

Il 70% degli italiani condivide la scelta di non allentare le misure di contenimento anti-Covid nel mese di dicembre: alto è il timore che, con le imminenti festività, si possa determinare una terza ondata del virus in gennaio. È quanto emerge dal sondaggio, condotto per Radio 1 Rai dall’Istituto Demopolis, diretto da Pietro Vento, che ha analizzato l’opinione degli italiani sulle misure dell’ultimo DPCM di dicembre.

Indagine Demopolis: il nuovo DPCM nell’opinione degli italiani. Crescono i timori per la diffusione del Covid

Con un sondaggio condotto nelle ultime 24 ore, l’Istituto Demopolis ha analizzato l’opinione degli italiani sulle nuove misure atte a contenere l’aumento dei contagi da Covid-19. Il 38% le considera adeguate ed opportune; 3 cittadini su 10, pur ritenendole utili, sostengono che siano troppo localizzate e settoriali per potere davvero frenare il virus. Critico è invece il giudizio di un quarto degli intervistati, convinti che si tratti di limitazioni eccessive ed inopportune.

Demopolis: cresce la preoccupazione degli italiani per la seconda ondata del Covid-19

Con l’aumento dei contagi, tornano a crescere i timori degli italiani per la diffusione del Coronavirus: il dato emerge dal trend rilevato dall’Istituto Demopolis, diretto da Pietro Vento. Dopo una netta flessione nella stagione estiva, la preoccupazione dei cittadini per il Covid è cresciuta di 30 punti nell’ultimo mese, raggiungendo oggi il 76%.

Demopolis: il lavoro, priorità assoluta degli italiani per il Governo del Paese

È il lavoro la priorità assoluta indicata da oltre l’80% degli italiani: nell’agenda dei cittadini per il Governo del Paese, l’occupazione si conferma stabilmente in testa, superando le richieste di riduzione della pressione fiscale e le misure per il rilancio dell’economia, indicate da circa i due terzi dei cittadini; il 65% vorrebbe una maggiore efficienza della sanità pubblica, 6 su 10 più sicurezza urbana. Sono i dati che emergono dal sondaggio condotto per la Rai dall’Istituto Demopolis.

Gli italiani, la fase 2 e le scelte del Governo Conte

Se le misure di contenimento del Coronavirus, decise dall’Esecutivo nelle settimane scorse, sono risultate apprezzate da una larghissima maggioranza dell’opinione pubblica, più complesse si stanno rivelando le scelte del Governo Conte per la ripartenza del Paese.
Intanto, secondo il sondaggio condotto dall’Istituto Demopolis, la maggioranza assoluta degli italiani immagina di trascorrere le prossime vacanze estive nel nostro Paese: appena il 3% ritiene di recarsi all’estero.

Sondaggio Demopolis: l’Italia, tra voglia di “ripartenza” e timori del virus

Con la fine del lockdown, l’Italia affronta la “fase 2” e la crisi determinata dall’emergenza Covid. L’opinione pubblica si divide sul “Decreto Rilancio” varato dal Governo Conte; molto apprezzata è la riapertura degli esercizi commerciali. Ma la paura resta: il 66% degli italiani teme che, con la ripresa degli spostamenti sull’intero territorio nazionale e i flussi turistici dai Paesi dell’UE e da Regioni a rischio, il contagio da Covid-19 possa tornare a crescere. È quanto emerge dal sondaggio condotto dall’Istituto Demopolis.